Ecoemme Montesilvano e la Tarsu fratricida

Ecoemme Montesilvano e la Tarsu fratricida con il confronto tra due uffici comunali a suon di carte bollate per il pagamento della tassa dei rifiuti che l’azienda municipalizzata, sorta proprio per gestire la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti in città, non paga da sei anni.

Siamo all’assoluto paradosso quantificabile in circa 121 mila euro. A tanto ammonta il debito che la Ecoemme, attualmente in liquidazione dopo 16 anni di attività, ha accumulato nei confronti del Comune e nonostante abbia perso già un primo ricorso, continua a portare avanti il suo contenzioso. Dall’ufficio Tributi di Palazzo di città, dunque, parte la citazione destinata ad un altro ufficio, probabilmente a pochi metri di distanza, se non nello stesso stabile, per il pagamento di cartelle tra il 2007 ed il 2012. La Commissione Tributaria Provinciale si é già espressa a favore del Comune, ma Ecoemme insiste ed annuncia ricorso anche alla Commissione Tributaria Regionale, intanto proseguono le operazioni di smantellamento della società, nata nel 1998 con una distribuzione quote che vede il Comune di Montesilvano come socio di maggioranza con il 49,85%, la Deco al 47,83% e la Comunità montana vestina al 2,32%. Già tre le aste pubbliche espletate per la vendita di mezzi, cassonetti ed attrezzature con un primo guadagno di poco meno di 30 mila euro. In vendita anche una dozzina di automezzi con proposte d’acquisto ammissibili fino al 20 giugno. Tutto questo basterà per pagare sei anni di Tarsu?

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Ecoemme Montesilvano e la Tarsu fratricida"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*