Doppio Vitalizio Regione Abruzzo: Legge M5S approvata in Prima Commissione

Sara Marcozzi

Doppio Vitalizio Regione Abruzzo: Legge M5S approvata in Prima Commissione Bilancio per abolire totalmente il privilegio a favore dei consiglieri regionali.

In una nota Sara Marcozzi (M5S), prima firmataria della Legge. esprime massima soddisfazione anche perchè il voto é stato unanime:

“un primo passo importante. Ora non resta che calendarizzare immediatamente il voto in consiglio regionale per dotare l’Abruzzo di questa Norma che abolisce un ingiusto privilegio”.
“Siamo sicuri” commenta “che dopo il voto unanime della commissione Bilancio la commissione capigruppo non avrà nessun problema a portare immediatamente la proposta in Consiglio per renderla Legge nella nostra regione”.

La proposta normativa dei 5 stelle dispone il divieto di cumulabilità dell’assegno vitalizio regionale con altri analoghi istituti previsti per gli eletti alla carica di parlamentare europeo, di parlamentare della Repubblica italiana, di consigliere o assessore di altra Regione.

“Un taglio” continua Marcozzi “ che consentirebbe un risparmio di a oltre 500mila euro annuo per le casse di Regione Abruzzo”.

 

 

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Doppio Vitalizio Regione Abruzzo: Legge M5S approvata in Prima Commissione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*