Divieto di balneazione: Un “caso Pescara” a Giulianova

Divieto di balneazione: Un “caso Pescara” a Giulianova, ad un anno di distanza dalle note vicende giudiziarie per il giallo sull’ordinanza di divieto di balneazione nel capoluogo adriatico, caso simile sta per esplodere a Giulianova.

A presentare un esposto in Procura il Forum abruzzese dei Movimenti per l’acqua dopo le polemiche in Consiglio Comunale tra il sindaco Mastromauro e la consigliera di opposizione laura Ciafardoni. le analisi suppletive effettuate lo scorso 15 giugno hanno confermato la presenza di escherichia coli a 250 metri circa dalla foce del Tordino. I dati però sono stati pubblicati dall’Arta soltanto nella giornata di sabato, mentre l’ordinanza del Comune riporta la data del 17, venerdì. nella nota diffusa il Forum spiega:

“E’ molto grave quanto accaduto in questi giorni a Giulianova sul fronte della balneazione, a seguito del superamento dei limiti accertato dall’Arta a nord della foce del Tordino. Nei giorni scorsi avevamo cercato eventuali ordinanze sul sito comunale, senza successo. Infatti, dopo aver diffidato a fine Maggio la regione Abruzzo sulle modalità di gestione della problematica, abbiamo avviato un serrato controllo dei siti dei comuni per verificare l’efficienza e l’efficacia dei provvedimenti, in primo luogo se e quando vengono presi. Inoltre cerchiamo di verificare, anche con sopralluoghi, come avviene la comunicazione al pubblico. Vengono divulgati comunicati alla stampa? In che modo e quando vengono posizionati i cartelli? La nostra intenzione è quella di raccogliere documentazione per un esposto alla Commissione Europea affinché verifichi se quanto succede in Abruzzo sulla balneazione è conforme al diritto comunitario. Purtroppo questo controllo dal basso è reso difficoltoso dagli inaccettabili ritardi con cui l’ARTA pubblica i risultati dei campionamenti sul suo sito WEB. Ciò premesso, l’ARTA risulta aver comunicato il 15 giugno al Comune l’avvenuto superamento dei limiti di legge nel tratto “250 m a Nord della foce del Tordino”. L’ordinanza, firmata da un dirigente, riporta la data di emissione del 17 giugno, a due giorni di distanza dalla comunicazione dell’ARTA. Inoltre risulta essere stata pubblicata sull’albo pretorio solo oggi, 20 giugno, a ben 5 giorni dalla prima comunicazione. Tra l’altro facciamo notare che anche un successivo prelievo del 15 giugno (presumibilmente con esito comunicato proprio il 17 giugno) è risultato oltre i limiti di legge su quel tratto di costa.”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Divieto di balneazione: Un “caso Pescara” a Giulianova"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*