Dipendenti Asl licenziati nel 2013, la Corte dei Conti chiede risarcimenti

asl pescara

Una vicenda che risale al periodo tra settembre e novembre 2013, il licenziamento di 4 dipendenti della Asl per assenteismo, a loro viene chiesto un risarcimento per danni.

Un danno erariale ipotizzato di poco più di 40 mila euro, dieci mila euro per ogni dipendente licenziato, é quanto ha individuato la Procura della Corte dei Conti nei confronti di 4 dipendenti della Asl di Pescara licenziati per assenteismo tra il settembre ed il novembre del 2013. Al momento si tratta di una richiesta che deve essere ancora valutata dai giudici che dovranno esprimersi in tal senso, il vice procuratore Roberto Leoni parla di rilevanza del servizio prestato dai dipendenti di un’amministrazione preposta alla tutela della salute dei cittadini e della collocazione funzionale degli interessati stessi nell’ambito dell’organizzazione aziendale », «della reiterazione di comportamenti socialmente riprovevoli e penalmente rilevanti posti in essere in assenza di qualsiasi giustificazione», e infine, dell’eco mediatica avuta dalla vicenda sulla carta stampata e sui siti web.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Dipendenti Asl licenziati nel 2013, la Corte dei Conti chiede risarcimenti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*