Dighe, i sindaci spingono per il sistema di allerta

La situazione relativa al piano di emergenza dighe è una questione molto sentita soprattutto per i comuni della vallata del Vomano che da tempo chiedono aiuto affinché venga fatto un passo in avanti.

Per questo motivo con ogni probabilità il 24 gennaio il piano di emergenza relativo alle dighe di Campotosto e Rio Fucino dovrebbe arrivare sul tavolo della Giunta regionale, dando cosi forma a tutte quelle azioni da mettere in campo nel caso si dovesse verificare la necessità di un problema all’argine con contestuale necessità di evacuazione della popolazione dei comuni interessati.  Osservazioni di cui si è parlato in una riunione a Montorio convocata dal sindaco di Crognaleto Giuseppe D’Alonzo, che insieme ad una delegazione composta dai colleghi di Basciano e Roseto chiederà anche nei prossimi giorni un incontro, al presidente Luciano D’Alfonso.

“Vogliamo che la diga di Campotosto sia in totale sicurezza e quindi essere pronti sia alla prevenzione che ad affrontare un’eventuale emergenza, ma non abbiamo le risorse e i mezzi per adeguare i nostri piani comunali e per metterli in pratica. L’Enel deve fare la propria parte».

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Dighe, i sindaci spingono per il sistema di allerta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*