Delitto ascensore a Spoltore: Sentenza a novembre

Delitto ascensore a Spoltore: Sentenza a novembre, così é stato stabilito oggi in Tribunale a Pescara dopo il rinvio per il legittimo impedimento del legale dell’imputata Happy Ayagbeni.

Slitta dunque al prossimo 15 novembre la sentenza sulla morte del pensionato di Spoltore Donato Pangiarella, 74 anni, ex dirigente di una squadra di calcio, trovato senza vita il 6 settembre 2014 nell’ascensore di un palazzo in via Cerrano, a Montesilvano (Pescara). L’udienza preliminare di oggi e’ stata, infatti, rinviata per il legittimo impedimento dell’avvocato Simone Rosario Matraxia, difensore di Happy Ayegbeni, 34 anni, nigeriana, accusata di omicidio preterintenzionale. Per questa vicenda la donna, che sara’ giudicata con il rito abbreviato, trascorse quasi sei mesi in carcere. Stando al racconto fornito dall’imputata durante le indagini, lei e il 74enne si sarebbero incontrati in un supermercato di Montesilvano dove il pensionato si sarebbe offerto di aiutarla a portare in casa le casse d’acqua. Una volta all’interno, secondo la versione della 34enne, l’anziano avrebbe cercato di avere un rapporto con lei che, per difesa, si sarebbe divincolata e l’avrebbe spinto. Sull’allontanamento dell’uomo dall’appartamento la donna avrebbe fatto ricorso a versioni diverse, dicendo una volta che il pensionato avrebbe preso l’ascensore da solo e un’altra che sarebbe stato accompagnato. Del caso si sono occupati i carabinieri del Nucleo investigativo di Pescara. La vicenda si gioca tutta attorno alle perizie, che hanno stabilito che il decesso e’ avvenuto per un fatale aritmia cardiaca. Nello specifico, secondo l’avvocato di parte civile, Alfredo Di Francesco, un alterco sarebbe alla base della morte del pensionato. Mentre la difesa sostiene che l’alterazione cardiaca sarebbe stata provocata dallo sforzo a cui si sarebbe sottoposto l’uomo portando le bottiglie d’acqua in casa e all’eccitazione sessuale suscitata dalla presenza della donna.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Delitto ascensore a Spoltore: Sentenza a novembre"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*