Decreto cannabis terapeutica: ” scelte mediche, non politiche”

L’assessore alla programmazione sanitaria Paolucci spiega che per il decreto sull’uso terapeutico della cannabis la Regione si è avvalsa di supporto scientifico.

L’assessore regionale alla programmazione sanitaria Silvio Paolucci spiega che la Regione per l’emanazione del decreto sull’uso terapeutico della cannabis si è avvalsa del supporto scientifico di uno specifico gruppo di lavoro composto da tutti i responsabili delle Unità operative. di terapia del dolore e cure palliative presenti in Abruzzo.

L’assessore Paolucci afferma che “Dunque non è stata una decisione presa dalla politica sulla base di un capriccio – non sono certo gli assessori a emanare indicazioni terapeutiche – ma una scelta dettata dalla volontà di dare attuazione ai pareri forniti dagli esperti. Restiamo comunque aperti ad un confronto trasparente basato sull’evidenza dei dati scientifici e scevro da strumentalizzazioni di ordine politico “.

L’esponente del Partito della Rifondazione comunista Maurizio Acerbo e i Radicali avevano polemizzato per la non applicabilità del decreto al caso del musicista teatino Pellegrini che per curarsi deve far ricorso ad una struttura extra regionale.

relazione-su-provvedimento-cannabis-e-fibromialgia

ricognizione-provvedimenti-regionali-cannabis

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Decreto cannabis terapeutica: ” scelte mediche, non politiche”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*