Da focusabruzzo una libera analisi dei dati sull’economia

Da focusabruzzo una libera analisi dei dati sull’economia nella nostra regione, senza interpretazioni ideologiche.

Questo l’intento dei promotori del sito www.focusabruzzo.eu presentato stamane alla stampa dall’ex segretario regionale della Cgil Franco Leone e dal ricercatore Aldo Ronci. All’indomani del vortice di polemiche sui dati Svimez, tra letture ed interpretazioni più o meno interessate, il tentativo é proprio quello di fornire un corretto quadro della situazione:

“Non vogliamo fare un uso politico del nostro lavoro – specifica Leone – ma semplicemente metterci a disposizione delle istituzioni ed individuare, secondo il nostro punto di vista, le soluzioni più adeguate. Intanto siamo pronti a fornire una lettura asettica e  trasparente dei dati che giungono da fonti ufficiali e certificate e poi lasciamo a chi di dovere la possibilità di interpretarli come meglio crede, ma il nostro é innanzitutto un lavoro indipendente.”

Ed allora qual é il modo migliore per non lasciarsi tentare dalle soggettive interpretazioni? Lo abbiamo chiesto al ricercatore Aldo Ronci:

“Intanto servendosi solo di dati ufficiali, e sono quelli di Istat, Infocamere e Svimez, tutto il resto non ha valenza. Da qui, poi fare un quadro della situazione  in Abruzzo, stando ai rilievi nel triennio 2014-2016 , che ci raccontano, intanto, di una popolazione in calo, -11.692 abitanti, di un calo ancora più preoccupante delle imprese, meno 2425, di un export che cresce ma solo grazie al traino dell’automotive in Val di Sangro, di una diminuzione di occupati (-15000) ed un aumento dei disoccupati (+10000) e se da una parte si registra il buono stato di salute delle grandi imprese, dall’altra continuano a soffrire maledettamente le piccole imprese. Ma il dato più preoccupante riguarda il Pil , troppo lenta la crescita nel triennio,  +0,5% rispetto al +1,8% a livello nazionale, ma ancora più allarmante il dato riferito al solo 2016, -0,2%, terza peggiore performance in Italia.”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Da focusabruzzo una libera analisi dei dati sull’economia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*