Costa teramana, imposta di soggiorno? Non in ordine sparso

tassa soggiorno 6

Anche con la fine dell’estate continua a tenere banco sulla costa la questione relativa all’imposta di soggiorno in sette comuni teramani.

Sulla questione il comune di Roseto degli Abruzzi ha annunciato di essere pronto a partire dal primo di gennaio 2018, mentre nella vicina Giulianova il regolamento è stato approvato nel 2016 ma ad oggi ancora non si conosce se e quando entrerà in vigore. Si tratta di un’imposta che non grava sui cittadini, ma solo sui turisti ed è utile per destinare le somme a operazioni finalizzate al decoro urbano e per sviluppare le potenzialità del territorio esclusivamente a fini turistici.

Non del tutto convinte, le associazioni di categoria chiedono però chiarezza e programmazione.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Costa teramana, imposta di soggiorno? Non in ordine sparso"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*