Coronavirus Abruzzo: “Non andare al Pronto Soccorso se non ci sono ragioni di urgenza”

In Abruzzo non sono stati registrati casi di Coronavirus e, mentre si susseguono le riunioni della task force istituita dalla Regione, l’assessore alla salute Nicoletta Verì torna a chiedere a tutti di non creare inutili allarmismi e di non presentarsi in Pronto Soccorso se non ci sono ragioni di urgenza clinica.

Nel ribadire che è necessario mantenere la calma perché in Abruzzo al momento non ci sono casi, sia l’assessore Nicoletta Verì che il professore Giustino Parruti, direttore dell’Unità Operativa Complessa  di Malattie Infettive dell’ospedale “Santo Spirito” di Pescara, struttura individuata quale centro di riferimento regionale per il Coronavirus, spiegano le prassi di comportamento da adottare in caso di sospetti o preoccupazioni di aver contratto la malattia.

Entrambi ribadiscono di “Non presentarsi in Pronto Soccorso se non ci sono ragioni di urgenza clinica, ma rivolgersi al 118, al medico di base o alle guardie mediche per azioni di adeguato filtro”. 

Il professore Parruti sottolinea che “E’ arrivato il momento in cui è sempre più raccomandabile il lavaggio delle mani, così come, più in generale, è bene seguire tutte le indicazioni fornite dal ministero della Salute”.

Il laboratorio di riferimento in Abruzzo è quello dell’ospedale di Pescara, che dai giorni scorsi si è attivato per effettuare in sede i test relativi al Covid-19. Quello della 17enne in isolamento all’ospedale “San Pio” di Vasto  è il terzo tampone per il Coronavirus eseguito nelle ultime ore: altri due, nella notte, sono risultati negativi.

Intanto in Abruzzo sono state individuate le strutture nelle quali ospitare i pazienti in quarantena.

Riunione operativa questa mattina a Pescara, nella sede del Dipartimento regionale Sanità, per fare il punto sul Decreto d’emergenza sul Coronavirus, approvato ieri sera dal Consiglio dei Ministri.

All’incontro, convocato dal presidente Marco Marsilio e dall’assessore alla Salute Nicoletta Verì, hanno partecipato – oltre ai dirigenti e funzionari del Dipartimento – i rappresentanti della Protezione civile regionale, delle Asl, dei medici di medicina generale, dell’Anci e delle Prefetture.

Al momento in Abruzzo non c’è alcuna evidenza di circolazione locale del Covid 19, ma per far fronte a eventuali emergenze che potessero verificarsi nei prossimi giorni, sono stati stabiliti dei protocolli operativi nel rispetto di quanto previsto dal nuovo Decreto.

In particolare, per coloro che provengono dalle aree del Nord Italia non rientranti nelle zone rosse, si distinguono due tipologie di casi: gli asintomatici che non hanno avuto contatti significativi con persone a rischio (per essere considerato contatto significativo non basta essere stati su un vagone ferroviario o in un centro commerciale) non vengono presi in carico;

per coloro che accusano invece stati febbrili o altre sintomatologie, viene attivata la sorveglianza sanitaria passiva, vale a dire che il soggetto dovrà prendere contatti con la propria Asl di competenza, comunicare i propri dati e successivamente informare la stessa Asl di eventuali improvvisi peggioramenti.

Per coloro – sempre asintomatici – che hanno avuto invece contatti significativi con persone provenienti dalle zone rosse (o che siano partiti dalle zone rosse prima del divieto di lasciare le stesse aree), c’è l’obbligo dell’isolamento fiduciario domiciliare con sorveglianza sanitaria attiva. Vale a dire che sarà la Asl a contattare, a intervalli regolari, il soggetto e verificare eventuali mutamenti del quadro clinico.

Su queste categorie di soggetti non viene eseguito il test per il Covid 19, a meno di un mutamento significativo del quadro clinico.

Per tutti gli altri casi, restano ferme le indicazioni già introdotte nei giorni scorsi, vale a dire il non recarsi autonomamente nei pronti soccorso (per evitare la potenziale diffusione di un eventuale contagio), ma rivolgersi sempre prima telefonicamente al proprio medico di famiglia o alle guardie mediche, che attueranno un triage telefonico e solo eventualmente attiveranno il protocollo di presa in carico ospedaliera, che verrà gestito dal 118 in sicurezza.

L’assessore Verì spiega che “E’ importante coniugare l’esigenza di non sottovalutare casi potenziali con la necessità di operare un filtro su criteri ben precisi, perché un accesso indiscriminato e incontrollato ai protocolli rischia di mettere in crisi l’intero sistema, che invece deve essere pienamente operativo per eventuali reali necessità”.

Nel corso della riunione si è parlato anche dell’approvvigionamento dei dispositivi di sicurezza, i cui quantitativi saranno aumentati, sia delle assunzioni straordinarie aggiuntive di personale sanitario dedicato esclusivamente alle strutture coinvolte nella gestione dell’emergenza.

La Regione è pronta a mettere in campo tutte le misure previste dal Decreto, a partire dal divieto all’effettuazione delle gite scolastiche. Verrà, infine, attivata una task force per il reperimento e la distribuzione di materiale sanitario, grazie anche alla collaborazione con l’Anci.

Il Servizio del Tg8:

COMUNICAZIONE DELL’UNIVERSITA’ DI TERAMO: SOSPESI SCAMBI ERASMUS E LEZIONI PER PROFESSIONISTI

Il rettore della Università di Teramo Dino Mastrocola annuncia :”Nella nostra università abbiamo delle ‘coorti’ di lavoratori che giungono dalle regioni ora coinvolte nella vicenda coronavirus, Lombardia e Veneto: abbiamo deciso di bloccare le lezioni per loro. Si tratta di corsi e lezioni di specializzazione per professionisti, anche nell’ambito della facoltà di Scienza delle comunicazioni. Per il resto mi pare di poter dire che le università abruzzesi per il momento non presentano problemi.

Gli scambi Erasmus sono già bloccati da tempo così come gli scambi per le inaugurazioni degli anni accademici, ma siamo tutti attenti a quanto deciso a livelli superiori, per adeguarci, in contatto con la asl”.

 

Sii il primo a commentare su "Coronavirus Abruzzo: “Non andare al Pronto Soccorso se non ci sono ragioni di urgenza”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*