Cinghiale sulla fondovalle Trigno: tamponamento a catena

cinghiale mortocinghiale morto

Un cinghiale ha attraversato la strada sulla fondovalle Trigno causando un tamponamento a catena in cui sono rimaste coinvolte 4 auto. L’ungulato è morto, tanta paura per i passeggeri che viaggiavano a bordo dei mezzi coinvolti nell’incidente stradale.

Ancora un incidente stradale legato alla massiccia presenza di cinghiali in Abruzzo .Ieri sera, mentre un ungulato attraversava la strada sulla Statale 650, la Fondovalle Trigno, in provincia di Chieti, ha provocato un tamponamento a catena che ha coinvolto quattro automobili. Una Volkswagen Golf, di colore nero, ha investito e ucciso il grosso cinghiale che era sbucato dal buio sulla strada ,poco prima dello svincolo in direzione San Salvo Marina. Non ci sono stati per fortuna feriti, ma danni alle auto ma non sono mancate le proteste per la presenza di cinghiali che mettono a rischio la vita delle persone.Anche gli agricoltori in diverse occasioni hanno lanciato appelli alle autorità preposte per denunciare i danni arrecati alle colture dalla presenza di ungulati in diverse aree della regione. L’incidente è avvenuto verso le ore 23 e un’ora dopo un altro cinghiale ha tagliato la strada, nei pressi dell’Aqualand di Vasto,  ad una Citroen C2 guidata da una ragazza di 23 anni ,incinta di 4 mesi, a fianco della quale viaggiava il marito di 30 anni. E’ riuscita a sterzare e ad evitare l’impatto.Per fortuna nessun danno grave, solo un forte spavento che si spera non abbia nuociuto alla piccola creatura che la ragazza porta in grembo.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Cinghiale sulla fondovalle Trigno: tamponamento a catena"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*