Chieti: muore per un pacemaker, 2 medici indagati

Chieti: sarebbe deceduto per un foro ad un ventricolo causato dalla sostituzione di un pacemaker, un 78enne morto per tamponamento cardiaco.

Questo l’esito dell’autopsia effettuata ieri mattina sul corpo di Angelo D’Alò deceduto all’ospedale di Chieti lo scorso 8 gennaio al termine di un intervento all’apparenza di routine, come quello della sostituzione di un pacemaker. I parenti della vittima si sono rivolti alla Procura che ha aperto un fascicolo indagando due medici per omicidio colposo. dall’esame autoptico svolto ieri mattina dal consulente nominato dalla Procura, il medico legale Christian D’Ovidio, sarebbe emerso che nel corso dell’intervento uno dei cateteri del pacemaker ha provocato un piccolo foro su un ventricolo scatenando un tamponamento cardiaco che ha, in sostanza, fatto collassare il cuore determinando il decesso dell’uomo. All’esame hanno partecipato anche i due consulenti di parte, ora spetterà ai magistrati inquirenti individuare eventuali responsabilità da parte dei due medici.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Chieti: muore per un pacemaker, 2 medici indagati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*