Chieti: estorsione a 3 operai, condannati i gestori di un’impresa

Il Tribunale di Chieti ha condannato per estorsione i gestori di un’impresa edile che avrebbero minacciato tre operai costringendoli a turni massacranti senza pagare gli straordinari.

Sono stati condannati a 6 anni di reclusione ciascuno e 6.000 euro di multa i due gestori di fatto della Appalti srl, impresa operante nel settore dell’edilizia. Il Tribunale di Chieti ha disposto in favore dei tre operai, che si sono costituiti parte civile, una provvisionale di 8.000 euro ciascuno. Secondo l’accusa, per conseguire il maggior risparmio sulle retribuzioni,  i due gestori , minacciando due operai di far ricorso alle dimissioni che dicevano di aver fatto firmare loro, e con la minaccia nei confronti di un altro operaio di licenziarlo, li costringevano a turni superiori alla normale giornata lavorativa anche in orario notturno, il sabato e la domenica, senza che tale attività lavorativa fosse retribuita.

 

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Chieti: estorsione a 3 operai, condannati i gestori di un’impresa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*