Chieti: Bellia condannato ad 11 anni per il Crac Sidermetalli

Il presidente del Tribunale di Chieti Geremia Spiniello ha oggi condannato l’imprenditore Luciano Bellia ad 11 anni per il crac della Sidermetalli.

Condannati anche la sua collaboratrice Irina Sedova, 45 anni russa, a sei anni; Gianmarco Pipia 44 anni di Lanciano, amministratore di una società legata alla Sidermetalli, condannato a 2 anni. Pene inflitte solo per l’accusa di bancarotta, é invece venuta meno quella di riciclaggio. L’entità del crac della Sidermetalli,  di cui Bellia era titolare, é di circa 3 milioni di euro. E’ la seconda condanna per Bellia, nel giro di una settimana, mercoledì scorso, infatti, l’imprenditore teatino era stato condannato a 6 mesi per una truffa legata all’acquisto di una gioielleria di Sulmona.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Chieti: Bellia condannato ad 11 anni per il Crac Sidermetalli"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*