Castel Frentano: piantagione di marijuana, tre persone ai domiciliari

Scoperta una vera e propria piantagione di marijuana, con oltre 500 piante coltivate in un terreno di Castel Frentano, alle porte di Lanciano.

A scoprirla sono stati gli agenti del Commissariato di Lanciano, nel giugno scorso: dopo due mesi di indagini la locale procura ha chiesto e ottenuto dal Gip del tribunale frentano, Massimo Canosa, le ordinanze di misura cautelare degli arresti domiciliari per tre uomini di 46, 39 e 38 anni, tutti di origine campana. I tre arresti per detenzione di sostanze stupefacenti sono stati eseguiti ieri mattina, sono state inoltre denunciate due persone per concorso nella detenzione. Nel terreno, sequestrato dalla polizia, era attivo un impianto di irrigazione molto accurato e le 500 piante venivano concimate quotidianamente. Secondo gli inquirenti, sul mercato la droga che sarebbe stata ricavata dalle piante avrebbe fruttato circa 300mila euro. La attivita’ di indagine, coordinata dal pm Rosaria Vecchi, si inserisce in un filone da inchiesta piu’ ampio relativo a fatti di estorsione e usura, tuttora in corso

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Castel Frentano: piantagione di marijuana, tre persone ai domiciliari"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*