Caso Silvana Pica: restano in piedi due piste

Caso Silvana Pica: restano in piedi due piste, fissato, invece, già da tempo il movente, certamente economico. Si tratta ora di capire chi ha fatto sparire Silvana Pica visto che all’allontanamento volontario o al suicidio non crede più nessuno.

Il borsino odierno, per quel che riguarda le indagini di un pool specifico della Polizia di Stato, con il coordinamento del Pm Anna Rita Mantini, parla di freccia giù per la pista legata alle sue coinquiline rumene, anche se si registrano interessanti sviluppi su questo fronte, e freccia su per quel che riguarda altre figure che avrebbero potuto ambire ad entrare in possesso degli averi della traduttrice pescarese. Sulle coinquiline rumene, dunque, nessun riscontro, a quanto ci é dato sapere, particolarmente significativo, anzi, pare che una delle due abbia riferito agli stessi inquirenti di avere forti dubbi sull’ipotesi suicidio. Resta però il fatto che le coinquiline erano tre e non due e che nel loro per così dire entourage facesse parte un personaggio pregiudicato di origini pugliesi, personaggio sul quale verranno effettuati a breve nuovi e più approfonditi accertamenti. Quello sul quale gli inquirenti pare stiano concentrando maggiormente la loro attenzione é sulla schiera di personaggi più o meno noti che hanno avuto a che fare con Silvana in particolare dopo la sua separazione con Vincenzo Berghella e soprattutto dopo che Silvana é venuta in possesso di significative somme di denaro. Chi poteva essere interessato a queste somme? Si parla di una cifra di oltre 50 mila euro. C’é poi il giallo sul dispositivo di sentenza di una causa tra lei e il suo ex marito per divisioni di beni dopo la separazione, un dispositivo nelle mani degli investigatori che, sebbene non sia stato secretato, resta ignoto a tutti e sul cui contenuto pare si siano soffermate in modo particolarmente significativo le attenzioni degli investigatori.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Caso Silvana Pica: restano in piedi due piste"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*