Casalbordino: Riduce in fin di vita la convivente che lo denuncia dopo un mese

maltrattamenti

Casalbordino: Riduce in fin di vita la convivente che lo denuncia dopo un mese. E’ stato arrestato dai carabinieri . Protagonista della vicenda un agricoltore rumeno di 50 anni.

Un mese fa l’uomo aveva picchiato selvaggiamente la sua convivente, rumena anche lei di 46 anni, riducendola in fin di vita e ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale di Vasto per un trauma cranico, la frattura dell’osso occipitale e diverse emorragie interne. A chiamare i soccorsi, lo scorso 2 dicembre, fu lo stesso convivente che però riferì di averla rinvenuta in quelle condizioni tornando dai campi. Dopo diverse settimane, però, la donna ha trovato il coraggio di raccontare come sono andate realmente le cose, parlando anche di continui maltrattamenti subiti in passato. L’ultimo pesante litigio quella sera quando l’uomo l’ha afferrata ad un braccio scaraventandola con violenza contro la testata in legno del letto. Gli accertamenti effettuati dai carabinieri hanno portato a riscontri oggettivi consentendo al procuratore Capo di Vasto Di Florio di chiedere ed ottenere dal Gip la misura cautelare della custodia in carcere.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Casalbordino: Riduce in fin di vita la convivente che lo denuncia dopo un mese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*