Casalbordino: l’addio a Christian Marchetti

funeralicristianmarchetti

Tanta gente ai funerali di Christian Marchetti, il diciottenne morto in un incidente stradale.

Tanta commozione dei parenti, degli amici e dei tanti che lo hanno conosciuto. L’ ultimo saluto a Christian Marchetti, il diciottenne morto, all’alba di domenica , in un incidente stradale, nel corso del funerale celebrato ieri pomeriggio a Casalbordino. Gli amici lo hanno salutato con una t-shirt con la scritta “Per sempre con noi “ e con le parole di una canzone “Così lascia che la luce guidi la tua strada, conserva ogni ricordo mentre vai e ogni strada che prendi ti porterà sempre a casa!” Il ragazzo ha perso la vita, infatti, dopo essere finito contro un palo della pubblica illuminazione mentre faceva rientro a casa in sella al suo scooter. Tanta gente ha affollato il piazzale della basilica della Madonna dei Miracoli e si è unita al lutto della famiglia Marchetti. Il feretro è arrivato in chiesa, preceduto dai ragazzi che portavano il lenzuolo con le parole del brano di Wiz Khalifa, “See you again”. Sulla bara chiara fiori bianchi e la sciarpa giallorossa del Casalbordino. Il rito funebre è stato celebrato dal parroco di San Marco evangelista a Vasto, don Gianni Carozza.

Nella sua omelia il sacerdote ha affermato .”Christian vi ha detto che la vita è bella. Oggi ascoltiamo il gemito dei nostri perchè. Perchè morire a 18 anni? Perchè così? Perchè proprio lui? È il gemito di chi si trova al buio e ha paura. Ci chiediamo: ha un senso la vita o è solo un gioco assurdo? Ma oggi vi chiedo di capire che c’è anche un altro gemito. È quello dell’invocazione, della preghiera. Oggi tutti noi, ognuno per quello che può, prega per Christian. E dobbiamo capire che anche di fronte alla morte c’è un senso che forse non riusciamo a vedere. La tenebra, davanti a Dio, non è buio. Quel Dio che ti ama e che oggi ti abbraccia ponendo la sua mano su di te”.  Rivolgendosi ai tanti giovani presenti ha detto “Ho visto il bel sorriso di Christian, so che era molto affettuoso. Lui vi ha detto che la vita è bella e ve lo ha trasmesso così, con il suo modo di essere. Ragazzi, la vita è preziosa e va valorizzata al massimo. Scriviamo la nostra vita in bella copia, ogni momento è importante, è definitivo. Non perdiamo nessun attimo”.

Visibilmente commosso il sindaco di Casalbordino, Filippo Marinucci, ha detto “Ci hai donato bontà, rispetto, educazione. Noi tutti dobbiamo dirti grazie per la tua vita, anche se è stata così breve. Oggi siamo qui per te e dobbiamo dirti grazie Christian”.

Sii il primo a commentare su "Casalbordino: l’addio a Christian Marchetti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*