Carceri in Abruzzo: la Pezzopane visiterà gli istituti più “caldi”

Carceri in Abruzzo: la Pezzopane visiterà gli istituti più “caldi” su invito della Uil-Pa Polizia Penitenziaria. Lo annuncia il segretario regionale Nardella.

la senatrice del Pd Stefania Pezzopane ha accettato l’invito del segretario regionale della Uil-Pa Polizia Penitenziaria e si é resa disponibile per visitare le carceri abruzzesi al centro di sempre più frequenti episodi di disagio ed invivibilità. Dopo le aggressioni degli ultimi giorni, in particolare quella al Castrogno di Teramo, e l’ennesimo suicidio, avvenuto ieri, al supercarcere di Sulmona, le criticità cominciano ad essere davvero insostenibili, in particolare negli istituti di Sulmona, L’Aquila, Avezzano, Teramo e Lanciano. Ed é qui che la Pezzopane intende approfondire la questione, verificando di persona per studiare ipotesi di interventi.

La Uil, dal canto suo,  chiederà di guidare la Pezzopane  con una sua compagine e lo farà non tralasciando nulla che possa mettere la stessa di gridare, nelle sedi appropriate, allo scandalo. -Ci tiene a precisare Nardella- Per quanto attiene il suicidio del detenuto in quel di Sulmona posso solo dire che ogni decesso, per qualunque motivazione avvenga, rappresenta  per noi uomini della polizia penitenziaria motivo di dolore e frustrazione. Vorremmo tanto non ci fossero anche perché la decisione di un detenuto di porre fine alla propria esistenza accompagna maledettamente il ricordo  di molti colleghi che in più di 100, negli ultimi 10 anni, hanno voluto intraprendere la stessa strada. Segno che il carcere è lungi dall’essere un luogo ove poter coniugare il bisogno di lavorare con quello di vivere  serenamente la propria vita. La morte di un detenuto di certo non agevola questo percorso perché indelebili restano le immagini delle persone che, tra le migliaia che salviamo ogni anno, non c’è la fanno.

 

 

Sii il primo a commentare su "Carceri in Abruzzo: la Pezzopane visiterà gli istituti più “caldi”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*