Sequestro canapa light a Roseto: che dice la normativa?

Dopo il sequestro di canapa light a Roseto parla l’avvocato antiproibizionista Di Nanna: “Evidentemente l’indagine riguarda la coltivazione. Vendita è a mio avviso regolare ed in buona fede”

Dopo l’entrata in vigore a gennaio della legge sulla vendita legale di Canapa Light a scopo industriale e terapeutico, sono emerse diverse perplessità a causa di una normativa la 242 del 2016, evidentemente, ancora poco chiara, e sulla cui applicazione ci sono ancora diverse incertezze. Nei giorni scorsi la Guardia di Finanza ha sequestrato in una tabaccheria di Roseto una ventina di bustine di marijuana “legale” per un totale di circa 4 chilogrammi. L’esercente dal canto suo eccepisce che l’acquisto della merce è stato del tutto regolare.

Come va applicata la normativa? Parla Vincenzo Di Nanna, legale di Fabrizio Pellegrini e segretario di Amnistia, Giustizia e Libertà.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Sequestro canapa light a Roseto: che dice la normativa?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*