Campli una città senza chiese

L’evento sismico del 24 agosto, che ha colpito in particolar modo il Lazio e le Marche, ha causato numerosi danni anche nel comune di Campli.

Il territorio comunale è stato particolarmente colpito nei suoi beni architettonici e monumentali, per questo motivo il primo cittadino Pietro Quaresimale ha inviato una lettera al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dichiarando lo stato di emergenza a causa dell’evento sismico. Sono otto le chiese inagibili sulle territorio comunale inoltre è stata anche inviata una lettera al ministero dei beni culturali e alla Soprintendenza Archeologica, dove è stato fatto l’elenco degli edifici del patrimonio storico colpito dal sisma, con l’indicazione della pericolosità per la pubblica incolumità, visto che gli immobili sono adiacenti ai centri abitati.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Campli una città senza chiese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*