Bruno Sammartino torna a Pizzoferrato

Il campione di wrestling Bruno Sammartino torna in Abruzzo. A Pizzoferrato ha ricevuto il Premio Zimei-Moschettiere d’Abruzzo.

Ieri a Pizzoferrato il campione di wrestling  Bruno Sammartino, classe 1935, tornato nel suo paese d’origine, accompagnato dal giornalista americano Larry Richert e dai delegati provenienti da Pittsburgh, città dell’acciaio dove nei primi del ‘900 molti pizzoferratesi emigravano, e con cui adesso il Comune abruzzese ha siglato  un accordo di gemellaggio.  Sammartino ha ricevuto dal presidente onorario dell’Associazione Culturale “Ambasciatori della fame” Geremia Mancini il “Premio Zimei-Moschettiere d’Abruzzo”. Il riconoscimento va di anno in anno ad abruzzesi “che attraverso la loro azione hanno onorato la propria terra ”. Il “Premio Zimei”, nato nel 2005, ha visto premiati tra gli altri: gli onorevoli Remo Gaspari, Gianni Letta e Marco Pannella, l’Ammiraglio Guido Venturoni, il Generale dei Carabinieri Luigi Robusto, il senatore Franco Marini, il Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura Giovanni Legnini e l’anno scorso il Comandante Generale della Guardia di Finanza Giorgio Toschi.

Così Geremia Mancini: “ Bruno Sammartino, leggenda vivente del  wrestling, con i suoi successi ha saputo regalare ai nostri emigranti un motivo d’orgoglio in più. Quando lui vinceva era come se vincessero anche i nostri connazionali all’estero. Ha sempre saputo essere estremamente generoso con loro. E’ stato ed è un nostro meraviglioso ambasciatore. Sono orgoglioso di aver avuto questa occasione: ieri non ho premiato solo un grande campione ma anche un grande uomo”.

Il saluto della Regione è stato portato dal Sottosegretario della presidenza della Giunta Mario Mazzocca il quale ha detto ” invitato dal Sindaco Palmerino Fagnilli, ho portato il saluto della Regione Abruzzo a Bruno Sammartino, campione sportivo ed esempio di vita. Per me è stato un onore, per lo più nella giornata dell’Abruzzese nel Mondo. Per celebrare il grande campione e la presenza degli abruzzesi a Pittsburgh, soprattutto nel quartiere di Panther Hollow fondato da persone provenienti prevalentemente da Pizzoferrato e Gamberale, è stato eretto ed inaugurato nel pomeriggio un monumento presso la villetta comunale. Trasferitosi a Pittsburgh all’età di quindici anni, la ‘Roccia di Pizzoferrato’,  come Bruno Sammartino è stato soprannominato, è un celebre wrestler italiano conosciuto per aver combattuto nella World Wide Wrestling Federation – in seguito World Wrestling Federation, dal 2001 semplicemente WWE – dove detiene il record per il più lungo regno con il WWWF World Heavyweight Championship: 2.803 giorni, cioè circa sette anni e otto mesi. Ha detenuto il titolo anche una seconda volta per 1.237 giorni e un totale di undici anni (4.040 giorni) come campione. Ha portato al tutto esaurito il Madison Square Garden per centoottantotto volte. Nel 2013 è stato introdotto nella WWE Hall of Fame “.

 

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Bruno Sammartino torna a Pizzoferrato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*