Il boss Caramuscio muore in ospedale a Chieti

 Il boss mafioso Salvatore Caramuscio è morto all’ ospedale a Chieti . Prima del ricovero stava scontando l’ergastolo nel carcere de L’Aquila.

Salvatore Caramuscio, 47 anni di Surbo, ritenuto essere uno dei boss dell’ organizzazione mafiosa della  Sacra corona unita, è morto nell’ospedale di Chieti .Il pregiudicato era stato ricoverato lunedì scorso e sottoposto ad intervento chirurgico per problemi di salute. Caramuscio stava scontando una condanna all’ergastolo nel carcere de L’Aquila per l’omicidio di Antonio Fiorentino, avvenuto a Lecce nel marzo del 2003 nel bar Papaja, di cui la vittima era titolare.Il boss era nella lista dei 100 latitanti più pericolosi d’Italia. La salma arriverà domani alle 7 a Surbo, il paese in cui vivono i familiari di Salvatore Caramuscio e che è stato tappezzato con manifesti funebri.I funerali si svolgeranno nella chiesa di Santa Lucia.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Il boss Caramuscio muore in ospedale a Chieti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*