Bilancio Regione Abruzzo: sindacati perplessi

sindacatiscioperounitario

Bilancio Regione Abruzzo: sindacati perplessi, in una nota congiunta la triplice per nulla convinta dalla manovra finanziaria approvata nei giorni scorsi.

Il Consiglio Regione ha approvato il bilancio di previsione 2017-2019, ma Cgil Cisl UIL non hanno registrato il superamento delle preoccupazioni espresse anche nel corso della consultazione effettuata dalla Commissione Bilancio Regionale, a seguito di quanto contenuto nelle osservazioni avanzate dalle Corte dei Conti sezione Abruzzo.
Aver stimato in 600 milioni il deficit presunto, mentre sono in corso le verifiche per l’accertamento definitivo, se da un lato raccoglie le preoccupazioni espresse dai Giudici contabili regionali, apre una serie di interrogativi che richiedono chiare risposte, a partire dall’obbligo di legge di coprire effettivamente la rata da 51 milioni e restando insufficiente l’aver confermato gli stanziamenti per le spese obbligatorie, le risorse limitate per il sociale, la mobilità regionale ed i cofinanziamenti dei fondi per lo sviluppo previsti dalle norme europee.
Gli interrogativi ad oggi senza adeguata risposta si riferiscono a:
1- Come garantire quantità e tempestività dei cofinanziamenti dei fondi europei ?
2- Come verranno garantiti i servizi sociali e quali saranno gli investimenti per la riorganizzazione del sistema sanitario?.
3- Come rendere possibile la prima riduzione strutturale delle tasse aggiuntive ( fiscalità di svantaggio) ?.
4- Quando saranno approvati i bilanci del 2013-2014-2015 per pervenire ad un bilancio consolidato che chiarisca in modo definitivo il buco di bilancio regionale?.
E’ necessario che l’equilibrio tra rigore dei conti e politiche di sviluppo, che come Paese chiediamo di salvaguardare all’Unione Europea, sia perseguito anche a livello regionale. Il centro nazionale non faccia alle regioni quello che contesta a livello europeo per gli Stati nazionali sulle politiche di risanamento, garantendo regimi sostenibili di rateizzazione del debito pregresso. La situazione economica regionale, di debole ripresa, non fa pensare ad un incremento delle entrate derivanti dai tributi locali, mentre siamo in presenza di una contrazione dei trasferimenti dello Stato alla Regione, anche se possiamo contare su risorse aggiuntive per il sisma che restano vincolate agli interventi urgenti per la ricostruzione delle popolazioni colpite.Il tema del bilancio e del suo risanamento non può continuare ad essere rinviato. Siamo coscienti – prosegue la nota –  che il debito risale a inizio decennio e pur apprezzando il lavoro che l’Assessore Paolucci sta portando avanti, riteniamo che i problemi che vanno emergendo vadano affrontati da tutti i soggetti istituzionali nella chiarezza e nella responsabilità, a partire dalla individuazione dalle cause che lo hanno determinato e dei soggetti inadempienti che lo hanno realizzato, individuando soluzioni possibili che salvaguardino la comunità regionale e non pregiudichino le prospettive di sviluppo e del lavoro. Cgil Cisl UIL al fine di avere risposte agli interrogativi che permangono aperti anche dopo approvazione del bilancio di previsione della Regione, hanno richiesto un incontro urgente all’Assessore Silvio Paolucci.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Bilancio Regione Abruzzo: sindacati perplessi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*