Avezzano: Maestra senza pensione, il caso dal Ministro

Avezzano: Il caso della maestra senza pensione, per cavilli burocratici, sulla scrivania del Ministro Poletti grazie ad un’interrogazione della senatrice del Pd Stefania Pezzopane.

Per 39 anni insegnante della scuola dell’infanzia ad Avezzano ora costretta ad abbandonare perchè gravemente malata. Avrebbe diritto ad una pensione che però non arriva per via delle solite anomalie burocratiche italiane. Riconosciuta totalmente inabile già nel 2015 dall’Inps, con l’automatico pensionamento, la maestra, secondo il Provveditorato, invece, può continuare a prestare servizio in base ad un’altra legge. Nello stucchevole braccio di ferro tra Inps e Provveditorato ad andarci di mezzo la povera maestra il cui caso é stato preso a cuore dalla senatrice aquilana del Pd Stefania Pezzopane che ha rivolto un’interrogazione al Ministro del lavoro Giuliano Poletti affinchè si attivi per fare chiarezza su questa incredibile vicenda:

“I cittadini non possono essere ostaggio della burocrazia – scrive in una nota la Pezzopane – la vicenda é caduta nel corto circuito di due amministrazioni che non dialogano: da una parte il Provveditorato agli studi, dall’altra l’Inps.”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Avezzano: Maestra senza pensione, il caso dal Ministro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*