Avezzano: litiga col vicino, aggredisce agenti e medici, arrestato

Un uomo di 32 anni, di etnia rom, è stato arrestato dalla Polizia ad Avezzano dopo che , in stato di ebrezza, ha minacciato un condomino e poi ha aggredito gli agenti intervenuti sul posto ed un operatore del Pronto soccorso.

Gli agenti della Squadra Volante del Commissariato di Avezzano, ieri pomeriggio, hanno arrestato il trentaduenne che era gia’ sottoposto agli arresti domiciliari per resistenza, lesioni e minaccia a pubblico ufficiale, danneggiamento, violazione degli obblighi derivanti dalla detenzione domiciliare. La Polizia lo ha trovato fuori dalla sua abitazione, in evidente stato di ubriachezza, mentre il trentaduenne discuteva, animatamente e minacciosamente, con un condomino, per futili motivi ed ha mandato in frantumi i vetri di una finestra ed è rimasto ferito. Appena ha visto gli agenti l’uomo si è scagliato con violenza anche contro di loro ma è stato immobilizzato ed arrestato. L’uomo, però, è stato trasportato, con l’ambulanza del 118, al Pronto soccorso per essere sottoposto alle cure sanitarie, ma, anche in ospedale ha continuato a dare in escandescenze ed ha inveito energicamente contro il personale sanitario ed ha colpito un operatore del Pronto soccorso. L’uomo e’ stato rinchiuso nella Casa Circondariale di Avezzano.

Sii il primo a commentare su "Avezzano: litiga col vicino, aggredisce agenti e medici, arrestato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*