Ater Chieti: La banca blocca il fido, stipendi a rischio

Ater Chieti: La Banca blocca il fido, stipendi a rischio per i 24 dipendenti che non percepiscono salario già da 4 mesi. Intanto la Nuova Carichieti non é più disposta a fare credito e chiede indietro quasi 4 milioni di euro. Appello alla Regione.

A tal proposito ci sarebbe stata ieri anche una riunione in gran segreto tra i dirigenti Ater ed i tecnici della Regione nella quale i primi avrebbero chiesto la corresponsione a stretto giro della somma utile per coprire il debito con l’istituto di credito, ma la questione appare tutt’altro che facile. Preoccupati i lavoratori che si sono rivolti anche ai sindacati, in particolare alle categorie di Funzione Pubblica di Cgil e Cisl. Oltre all’emergenza occupazionale, spiegano i sindacati, c’é anche la problematica relativa ai servizi che rischiano di non poter più essere garantiti  per i diecimila inquilini di 2300 alloggi a Chieti ed Ortona. A nulla, evidentemente, é servito il piani di risanamento adottato dal Commissario straordinario Antonella Gabini, secondo i sindacati é indispensabile che la Regione adotti le misure necessarie per la sopravvivenza dell’azienda e le garanzie per i suoi dipendenti.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Ater Chieti: La banca blocca il fido, stipendi a rischio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*