Asl riduce disponibilità idrica dal Traforo: scatta l’emergenza nel teramano

Asl riduce disponibilità idrica dal Traforo: scatta l’emergenza nel teramano e la Giunta Regionale autorizza un approvvigionamento extra fino ad aprile.

La Giunta regionale, presieduta dal Luciano D’Alfonso, ha approvato il provvedimento con il quale viene autorizzato un approvvigionamento idrico di emergenza consentendo all’Ente di governo dell’ambito teramano, fino alla data del 15 aprile 2017, la captazione di acqua nella misura massima di 100 l/s dall’opera di presa di “Venaquila” per la distribuzione idrico-potabile, previo trattamento nell’impianto di potalizzazione di Montorio al Vomano. La giunta ha dichiarato lo stato di emergenza idrica nel comprensorio teramano dopo la disposizione cautelativa emessa della Asl di Teramo per le acque provenienti dai laboratori del Gran Sasso dell’INFN. Il provvedimento ha ridotto la disponibilità idrica della sorgente del traforo che non è piu in grado di garantire i volumi necessari per l’acqua potabile.

Sii il primo a commentare su "Asl riduce disponibilità idrica dal Traforo: scatta l’emergenza nel teramano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*