Arischia: esplosione in un garage, tre feriti

Attimi di panico nel pomeriggio alle case popolari di Arischia dove un’esplosione ha causato la deflagrazione di un garage e danni ingenti ad una palazzina. Tre feriti

Due esplosioni, alle quali sono seguite altre più piccole, sono avvenute nel pomeriggio all’interno di un garage in una palazzina di alloggi popolari dell’Ater (Azienda territoriale per l’edilizia residenziale) dell’Aquila, nella frazione di Arischia. Tre i feriti, di cui uno più grave, ricoverati all’ospedale ‘San Salvatore’. Evacuate quattro famiglie sistemate in hotel e moduli abitativi provvisori. Sul posto sono intervenuti Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Municipale e ambulanze del 118, oltre ai Vigili del Fuoco che stanno ancora effettuando rilievi per stabilire le cause delle esplosioni, avvertite a chilometri di distanza. Tra le cause al vaglio un’esplosione accidentale per la commistione di materiale infiammabile oppure la presenza di materiale esplosivo; una delle ipotesi è che il garage fosse adibito a deposito, abusivo, di fuochi di artificio, anche alla luce del fatto che il proprietario lavora in questo settore. Esclusa, secondo quanto appreso, una fuga del gas.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Arischia: esplosione in un garage, tre feriti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*