Aree risulta Pescara: dopo gli sgomberi un posto fisso di polizia

area-risulta-pescara1

A Pescara il Comune aumenta il livello di attenzione sull’area di risulta della stazione ferroviaria con controlli , sgomberi e l’istituzione di un posto fisso di polizia municipale.

Attenzione massima per la sicurezza nell’area di risulta della stazione ferroviaria di Pescara dove l’Amministrazione comunale, oltre ai controlli e agli sgomberi, sta provvedendo all’istituzione di un posto fisso di polizia municipale. Lo hanno annunciato oggi il sindaco Marco Alessandrini e il vice sindaco Enzo Del Vecchio.

In una nota Alessandrini e Del Vecchio affermano che “Le criticità dell’area di risulta e le difficoltà che quotidianamente si registrano da tempo, ci hanno sollecitato ad attivare una serie di ulteriori iniziative volte ad assicurare decoro e sicurezza. Continueranno le operazioni ormai divenute quotidiane di sgombero e pulizia delle zone dell’area di risulta aree divenute meta di accampamento per persone senza fissa dimora che stazionano d’estate per nella nostra città, lo facciamo attraverso un’opera congiunta che vede Polizia Municipale e Polfer insieme, con l’ausilio di Attiva per la rimozione delle suppellettili che si accumulano. Un’opera che supporteremo anche socialmente, perché gli interventi siano mirati alla soluzione di un problema che è prioritariamente di ordine pubblico, ma non solo. Infatti a giorni porteremo in Giunta un atto che affiancherà a chi esercita il controllo delle speciali unità di strada che opereranno socialmente sul fenomeno. Per dare maggiore e visibile sicurezza alla comunità abbiamo richiesto alla Polizia Municipale un servizio continuo e mirato, specie nelle ore serali, al fine di evitare accattonaggi e altre pratiche per chiedere soldi a chi sceglie di parcheggiare in centro.Non basta. Questa operazione a breve sarà supportata anche dall’istituzione di un posto di Polizia Municipale nelle aree di risulta, che diventa cabina di regia e riferimento per i cittadini. Inoltre, come abbiamo anticipato già diversi mesi fa, con la società Pescara Energia si sta potenziando l’impianto di illuminazione attraverso l’installazione di tre nuove torri faro i cui lavori sono già iniziati e si completeranno con l’apposizione delle torri subito dopo ferragosto, che saranno sormontate da quattro fari, ognuno con una potenza di 1000 watt perché non ci siano anfratti dove nascondersi, ma soprattutto perché queste infrastrutture consentiranno il miglior funzionamento di un sistema di telecamere che andrà a potenziare i servizi aggiuntivi alla vigilanza della Municipale. Sono scelte che nascono da precisi impegni che abbiamo preso con la cittadinanza, insieme a quello di trasformare in meglio le sorti dell’area di risulta, un impegno su cui siamo determinatissimi, perché questo grande vuoto urbano non può e non deve essere riempito da marginalità e degrado”.

Le foto scattate durante la riunione:

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Aree risulta Pescara: dopo gli sgomberi un posto fisso di polizia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*