Alba Adriatica, vigilanza armata in città

Alba-Adriatica-vigilanza- rete8Alba Adriatica vigilanza

A partire dal primo di novembre ad Alba Adriatica prende il via il servizio di vigilanza armata, privata, per custodire i siti pubblici. Lo ha deciso il comune facendo seguito alla delibera di giunta n.186 del 3 settembre scorso.

Un servizio il cui costo è di circa  ventottomila euro per sei mesi, un investimento ma soprattutto una sfida quella messa in campo dal comune costiero volto a favorire la sicurezza dei cittadini, con azioni di tutela dei beni primari, quali la tranquillità sociale e il contrasto a fenomeni di degrado e di disordine urbano. Dunque, comincia l’avanzata del Comune di Alba Adriatica per riprendersi i parchi pubblici ormai da tempo sotto scacco della microcriminalità e farli tornare punti di aggregazione sociale. Il servizio armato è affidato ad una società di Giulianova che tutti giorni dalle 15 alle 22 perlustreranno e controlleranno i punti sensibili del comune costiero.

Marco Pilò Assessore alla Sicurezza: “Siamo soddisfatti dell’inizio del progetto, praticamente unico nel suo genere poiché svolto nelle ore pomeridiane e serali, fortemente voluto dall’amministrazione, l’importanza della somma investita denota una particolare attenzione e sensibilità dell’Ente al problema relativo alla vivibilità di determinate zone pubbliche, sempre riconoscendo l’ottimo operato delle locali forze dell’ordine in relazione alla questione sicurezza. Valuteremo in relazione alle esigenze delle varie aree, anche su segnalazione dei cittadini, come calibrare i servizi per rispondere il più possibile alle necessità delle popolazione e alla scadenza fissata faremo il punto della situazione, per decidere in ordine al continuazione del progetto anche in ragione degli obiettivi raggiunti”.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Alba Adriatica, vigilanza armata in città"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*