Acqua Gran Sasso: il presidente dell’Infn ha chiesto di essere ascoltato

Il presidente dell’Infn, uno degli indagati nell’inchiesta sull’inquinamento dell’aqua del Gran Sasso, ha chiesto di essere ascoltato dai magistrati

Il presidente dell’Istituto nazionale di Fisica nucleare, Fernando Ferroni, è indagato insieme ad altre persone nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Teramo sull’acqua del Gran Sasso. Dopo la notifica dell’avviso di garanzia, Ferroni, rappresentato dall’avvocato Nicola Pisani, ha chiesto di essere ascoltato dai magistrati. E’ per questo che a fine mese comparirà davanti al pool di magistrati che si occupano del fascicolo per chiarire la sua posizione. Nell’inchiesta, aperta con le ipotesi di reato di inquinamento ambientale e getto pericolose di cose, e nella quale sono stati sequestrati i punti di captazione situati all’interno dei laboratori, sono indagati anche il direttore dei Laboratori Stefano Ragazzi, il responsabile del servizio ambiente dei Laboratori Raffaele Adinolfi Falcone, il responsabile della divisione tecnica dei Laboratori Dino Franciotti, il presidente di Strada dei Parchi Lelio Scopa, l’amministratore delegato di Strada dei Parchi Cesare Ramadori, il direttore generale di Strada dei Parchi Igino Lai, il presidente della Ruzzo Reti Antonio Forlini, il responsabile dell’Unità operativa di esercizio della Ruzzo Reti Ezio Napolitani e il responsabile del servizio acquedotto della Ruzzo Reti Maurizio Faragalli. Sotto accusa, secondo la Procura, tutta una serie di condotte colpose che avrebbero cagionato o comunque non impedito “un permanente pericolo di inquinamento ambientale e, segnatamente, il pericolo di compromissione o deterioramento significativo e misurabile delle acque sotterranee del massiccio del Gran Sasso”.

 

Sii il primo a commentare su "Acqua Gran Sasso: il presidente dell’Infn ha chiesto di essere ascoltato"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*