Abruzzo, pagamenti alle imprese: il triste primato dell’PA

L’Abruzzo è nella “Top 5” della classifica dei pagamenti in ritardo dalla Pubblica amministrazione alle imprese fornitrici.

Secondo i dati dell’analisi del Market Watch, “Imprese e Pubblica Amministrazione, gli strumenti per il finanziamento dei crediti commerciali’, la nostra regione si posiziona al quarto posto dopo Basilicata, Molise e Campania, con il 51% degli importi pagati rispetto al 48,9% ancora da saldare. La legge di bilancio 2019 ha previsto che, attraverso la Cassa Depositi e Prestiti, con il nuovo strumento chiamato “Anticipazione di Liquidità CDP” Regioni, Province e Comuni possano richiedere l’anticipazione di liquidità a breve termine per il pagamento di debiti certi, liquidi ed esigibili relativi a somministrazioni, forniture, appalti e ad obbligazioni per prestazioni professionali, maturati al 31 dicembre 2018 e registrati nella Piattaforma dei Crediti Commerciali di cui all’articolo 7 del D.L. 35/2013. La domanda da parte dell’ente locale è da inoltrare inderogabilmente entro il 28 febbraio 2019. Il deputato M5S Antonio Zennaro, membro della Commissione Bilancio alla Camera ha dichiarato:

“In questo modo andiamo ad accelerare i pagamenti degli enti territoriali riducendo i ritardi della pubblica amministrazione, almeno per quanto riguarda i comuni, le province e le regioni, dove si registrano le tempistiche più lunghe di riscossione del credito da parte di tante imprese.”

https://www.youtube.com/watch?v=lK_4UPnH6Xs

Sii il primo a commentare su "Abruzzo, pagamenti alle imprese: il triste primato dell’PA"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*