Abruzzo: la rideterminazione del rendiconto del 2013

La Giunta regionale ha dato l’ok alla rideterminazione del bilancio del 2013, all’attenzione della Corte dei Conti e della Corte Costituzionale.

La Giunta regionale ha deliberato il disegno di legge di approvazione del rendiconto, del conto finanziario e generale del patrimonio e della nota preliminare riferiti all’annualita’ 2013.

L’assessore al Bilancio Silvio Paolucci spiega che “Si e’ trattato di un lavoro complesso che si spera, anche alla luce dello sforzo profuso, possa mettere la parola fine sul rendiconto oggetto di attenzione da parte della Corte dei Conti e della Corte Costituzionale con l’ultima sentenza n. 89/2017 che, e’ necessario dirlo, ha ulteriormente rallentato un percorso di allineamento contabile dei documenti di rendicontazione all’ordinario ciclo di bilancio da tutti auspicato. La nuova Giunta ha provveduto anche ad una revisione del riaccertamento dei residui attivi, passivi e perenti e ad un ricalcolo delle economie vincolate. A seguito di detta attivita’, il risultato di amministrazione e’ quantificato in un disavanzo di 737milioni 919mila 595 euro, valore che tiene conto anche dell’accantonamento per la previsione dell’anticipazione di liquidita’ (ex Dl 35/2013) pari a 174 milioni 9mila euro e della reiscrizione dei 61,8 milioni di euro di economie riprogrammate. Il provvedimento sara’ inviato ora al Collegio dei revisori dei conti della Regione Abruzzo per l’acquisizione del parere “.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo: la rideterminazione del rendiconto del 2013"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*