Abruzzo: arabi interessati all’edilizia sociale

casepopolari

Abruzzo: arabi interessati all’edilizia sociale ed al patrimonio immobiliare regionale gestito fino ad oggi da cinque aziende territoriali dismesse.

Abruzzo: arabi interessati all’edilizia sociale.  Si tratta di circa undicimila appartamenti, su sedicimila messi in vendita, e per i quali si prevede un ricavo di oltre 200 milioni di euro. L’assessorato alle politiche della casa,  guidato da Donato Di Matteo, sta procedendo alla predisposizione del procedimento. Fra le società interessate al programma di edilizia sociale c’è, infatti, uno studio legale di Dubai referente di un fondo islamico che sarebbe disposto a finanziare il suddetto programma. Parliamo della Global Advocates & Legal Consultants fondata nel 2003 da noti avvocati arabi. L’operazione della Regione Abruzzo  riguarda l’edilizia sociale con investimenti programmati e i ritorni che arriverebbero dal settore delle costruzioni incrementerebbero il Pil regionale dello 0,6%, secondo l’assessore Di Matteo, il quale ricorda che gli undicimila appartamenti saranno venduti prioritariamente agli attuali inquilini che saranno assistiti nell’acquisto da una società selezionata attraverso il bando ad evidenza pubblica.

L’assessore Di Matteo riferisce che ” uno studio universitario, che analizza questa operazione di edilizia sociale, prevede sull’intero territorio regionale nel periodo di 4-5 anni necessario per realizzare investimenti, un aumento del Pil nel settore delle costruzioni, fortemente penalizzato dalla recessione economica , e sarebbe una importante opportunità per il territorio”.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Abruzzo: arabi interessati all’edilizia sociale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*