Teramo: truffa ai danni di produttori di olio

POLIZIA

Truffa a produttori di olio: denunciato un uomo di Montesilvano che assieme a un complice paga con due assegni di una banca francese con firma che risulta poi disconosciuta.

Aveva venduto 1.000 litri di olio ed aveva ricevuto in pagamento un assegno di un Istituto di Credito francese per un importo di 6.500 euro, mentre un altro suo conoscente aveva venduto 1.200 litri per un importo di 7.300 euro, anche questo saldato con assegno dello stesso Istituto di Credito. E’ stato così che questo produttore di olio di oliva di Canzano, presentatosi in banca per depositare l’importo della vendita ha avuto l’amara sorpresa che l’assegno non poteva essere riscosso poiché la firma apposta risultava disconosciuta dalla banca emittente. Lo stesso succedeva anche al secondo produttore, proprietario di un’azienda agricola di Castelnuovo Vomano. Ieri sera, però, il produttore di olio di Canzano nel transitare a San Nicolò a Tordino, ha riconosciuto il furgone che si era presentato per ritirare presso il suo deposito l’olio venduto nei mesi decorsi: fermatosi, ha avuto modo di riscontrare che il conducente era proprio l’uomo con cui aveva concluso le trattative per la vendita dell’olio di oliva.
Ha così avvertito il “113” che ha inviato un Volante subito sul posto. Accompagnato in Questura, l’uomo riconosciuto dal truffato non ha potuto non ammettere le proprie responsabilità ed è stato perciò denunciato in concorso con altri da identificare, visto che l’uomo, un sessantanovenne di Montesilvano, non solo quando ha effettuato le trattative, è stato riconosciuto anche dall’altro produttore truffato per il maggiore importo. In seguito di perquisizione personale gli agenti hanno anche rinvenuto nella tasca del giubbino che indossava due assegni in bianco emessi da Poste Italiane – Filiale di Pescara, risultati però essere stati denunciati come smarriti da un cittadino di Caserta. Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare il complice che insieme al 69 enne di Montesilvano, ha intessuto le trattative con i produttori ed ha provveduto al ritiro delle lattine dell’olio presso le aziende degli stessi, nonché eventuali legami con altri soggetti che gli abbiano procurato gli assegni in bianco di Poste Italiane sopra citati.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected] o .it". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Teramo: truffa ai danni di produttori di olio"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*