Accord Phoenix, nuova vita per l’ex polo elettronico

William Venditti è un ingegnere elettronico di 40 anni, ex dipendente di una delle aziende del polo elettronico dell’Aquila, la Fidal, che come moltissime altre ha chiuso i battenti mandando a casa i suoi lavoratori, 30 giovani professionisti.

Che sono andati a ingrossare il gruppo di quasi 200 persone disoccupate, in cassa integrazione e mobilità delle aziende Intercompel, Pa, Finmek e, appunto, Fidal, che un tempo costituivano il fiore all’occhiello del polo elettronico dell’Aquila.

Dopo anni di precarietà per William e per la gran parte di loro è arrivata la speranza di riprendere a lavorare – una sorta di seconda vita per tante persone troppo giovani per andare in pensione e troppo anziane per ricollocarsi nel mercato del lavoro – grazie all’avvio della attività dell’Accord Phoenix, lo stabilimento voluto all’Aquila dall’imprenditore indiano Ravi Shankar, per lo smaltimento dei rifiuti elettronici, il primo in Italia e il secondo il Europa.

Un investimento da 48 milioni di euro, di cui circa 11 dai fondi della ricostruzione destinati allo sviluppo economico, che, in due anni, occuperà 129 addetti globali. Ma ci sono voluti quattro anni di lavoro, concertazione, impegno, relazioni diplomatiche tra il Comune, i sindacati, il governo e l’imprenditore inglese di origini indiane. In sei mesi dovrebbe essere attiva la prima linea e, in un anno, sarà in produzione anche la seconda.

Il servizio del Tg8:

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Accord Phoenix, nuova vita per l’ex polo elettronico"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*