Lanciano: al via processo per uccisione topi al Negri Sud

cavie1

Al via oggi, a Lanciano, il primo processo per uccisione di topi. Sul banco degli imputati l’Istituto Mario Negri di Santa Maria Imbaro.

Sul banco degli imputati, l’Istituto Mario Negri di Santa Maria Imbaro, nel processo iniziato dinanzi al giudice monocratico Andrea Belli, sull’uccisione per asfissia con il gas di 750 topi ospitati negli stabulari del centro ricerche biomediche “Mario Negri Sud” di S.Maria Imbaro, chiuso nel 2014 per crisi economica, compresa l’impossibilità di mantenere le cavie dei topi “Mus musculus”. Ad ottenere indagini e rinvio a giudizio davanti al Tribunale di Lanciano, dopo il vittorioso processo contro Green Hill, è stata la Lav, che ha registrato via telefono l’ammissione del direttore amministrativo del Mario Negri Sud.

“Ci aspettiamo sia fatta giustizia e applicata la legge che da 11 anni dice che non si possono uccidere animali se non espressamente previsto”. Lo ha detto al tribunale di Lanciano Gianluca Felicetti, presidente nazionale Lav, tra i primi testi d’accusa del processo.

Imputato è l’allora direttore amministrativo Tommaso Pagliani, biologo di San Vito Chietino, presuntivamente accusato di uccisione senza necessità di animali.

“Chi ha operato al Negri Sud ha fatto uccidere animali alla stregua di oggetti – aggiunge Felicetti – e per questo deve pagare fino a 2 anni di reclusione, come abbiamo ottenuto l’applicazione a Brescia per la vicenda Green Hill. La stessa cosa valga per l’Abruzzo. L’unicità di questo processo è per l’uccisione dei topi perché la normativa si applica a tutte le specie, non solo comunemente cani e gatti, ma anche animali non tanto simpatici come i topi. La loro uccisione gratuita deve essere colpita e sanzionata. Le nostre aspettative su questo centro è che non solo chi dirigeva venga punito, ma paghi anche chi materialmente ha eseguito la soppressione”. “Si rifletta sui 25 anni di battaglia della Lav – rimarca Felicetti – affinché il Negri Sud non si dedicasse alla vivisezione, ma facesse sperimentazione sostitutiva scientifica. Se tale scelta intelligente fosse stata fatta allora, questo territorio non avrebbe fatto i conti con la chiusura e la perdita di lavoro. Com’è possibile, inoltre, uccidere dei topi senza che gli organi di controllo della Asl veterinaria abbia vigilato sui luoghi dove erano detenuti gli animali”.

La Lega Antivivisezione, che intende costituirsi parte civile, è patrocinata dall’avvocato Carla Campanaro di Roma; l’avvocato Michele Pezone di Chieti chiede analoga costituzione in rappresentanza degli Animalisti Italiani e Lega italiana difesa del cane. Nel corso dell’inchiesta nell’agosto 2014 il procuratore Francesco Menditto fece sequestrare 57 topi, primo caso in Italia, ancora presenti negli stabulari. Il processo avrà diverse udienze prima della sentenza.

“In una società liquida si può fare di tutto, anche questi processi sui topi, che non si sa quanto costa”. Così l’avvocato Marco Femminella di Chieti, difensore di Tommaso Pagliani, imputato al processo sull’uccisione di 750 topi nel centro ricerche “Mario Negri Sud” di Santa Maria Imbaro. “Fa specie che la Giustizia sia interessata a queste vicende – aggiunge Femminella – Dimostreremo che il fatto non sussiste, perché c’è una precisa norma che stabilisce come sopprimere questi modelli, come sono definiti questi animali. Poi si può discutere su tutto, ma diversamente è fare un processo anche se non ne vale la pena”.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Lanciano: al via processo per uccisione topi al Negri Sud"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*