Teramo, università chiusa perché senz’acqua

rubinetto acqua1

Università chiusa perché senz’acqua: accade a Teramo dove si annuncia una giornata di stop alle lezioni. La Ruzzo lavorerà dalle 8 alle 18 in molti quartieri, e diversi comuni del teramano, per allacciare una importante condotta idrica.

Giornata campale sul fronte universitario oggi in Abruzzo: se la d’Annunzio chiude le tre facoltà di viale Pindaro per l’intera giornata a causa di un guasto elettrico, l’università di Teramo sospende attività e lezioni perché senz’acqua. Disagi sono previsti anche in altre zone di Teramo a causa di un importante lavoro, programmata da tempo dalla Ruzzo, ad una condotta idrica tra le più importanti in città. Diversi quartieri resteranno a secco fino alle 18 quando è prevista la fine dei lavori: nel polo universitario di Coste Sant’Agostino solo la facoltà di Giurisprudenza dovrebbe restar aperta perché dotata di autoclave autonoma. Le scuole cittadine interessate dall’interruzione del servizio idrico, invece, riusciranno a gestire l’emergenza grazie ad un sistema di contenitori mobili per i servizi igienici predisposti da giorni. Rubinetti a secco anche ad Isola del Gran Sasso, Tossicia, Torricella, Colledara, Canzano, Campli, Bellante, Sant’Egidio, Civitella del Tronto.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Teramo, università chiusa perché senz’acqua"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*