Sant’Omero, salvo ufficio postale di Poggio Morello

teramo-rapina-alle-posteposte1

Il Tar annulla la chiusura dell’ufficio postale di Poggio Morello: accolta la tesi sostenuta dal Comune di Sant’Omero circa l’illegittimità del provvedimento di chiusura dello sportello ‘per essere lo stesso fondato solo sul dato economico’.

La sentenza, depositata in data 22.03.2016, ha accolto la tesi sostenuta dal Comune di Sant’Omero, rappresentato dagli avvocati Carlo e Luca Scarpantoni, circa ‘l’illegittimità del provvedimento di chiusura dello sportello di Poggio Morello, per essere lo stesso fondato solo sul dato economico, senza alcun bilanciamento tra l’utilità aziendale, le esigenze degli utenti, in particolare dei cittadini più anziani, e gli interessi pubblici’. Si tratta di una sentenza di primo grado che potrà essere impugnata davanti al Consiglio di Stato da parte di Poste Italiane S.p.a. La notizia è stata appresa con grande soddisfazione dall’amministrazione comunale, da sempre schierata a difesa dell’ufficio postale di Poggio Morello quale importante servizio per tutta la comunità.

 

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Sant’Omero, salvo ufficio postale di Poggio Morello"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*