Picchetto alla Tekal di San Giovanni Teatino

Picchetto alla Tekal di San Giovanni Teatino per protestare contro il licenziamento di un delegato sindacale della Fiom Cgil.

La manifestazione, che ha visto la partecipazione di tanti lavoratori della Tekal, e’ stata accompagnata da otto ore di sciopero con astensione dal lavoro che, secondo la Fiom, ha fatto registrare la massima adesione tra gli addetti alla produzione, ossia il 100% di consenso. “Dinanzi i cancelli della Tekal – afferma Davide Labbrozzi, segretario generale della Fiom di Chieti – abbiamo riscontrato solidarietà nei confronti del delegato  sindacale licenziato, Massimo Chiavaroli, ma soprattutto tanta rabbia nei confronti dell’Azienda”.  La Fiom, ribadendo il proprio parere secondo il quale Chiavaroli è stato licenziato per il suo ruolo sindacale, ha annunciato nuove iniziative di protesta. Intanto il licenziamento sarà impugnato e l’Azienda denunciata per attività antisindacale.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Picchetto alla Tekal di San Giovanni Teatino"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*