Pescara, daino incastrato nella rete del cimitero dei colli

Pare si tratti di un daino, forse di un capriolo: lo splendido esemplare è rimasto incastrato in un varco della recinzione del cimitero dei colli di Pescara. Agenti della forestale, volontari e polizia municipale al lavoro per oltre due ore per liberarlo.

La foto che vedete arriva direttamente dal cimitero dei colli di Pescara dove agenti della forestale, volontari e polizia municipale stanno tentando tutti insieme di salvare uno splendido esemplare di daino rimasto letteralmente incastrato nella rete di recinzione cimiteriale. A trovare l’animale, intorno alle 8, sono stati i custodi del cimitero: come ogni mattina avevano da poco iniziato una sorta di giro di ricognizione, per verificare che fosse tutto in ordine, quando hanno avvertito il lamento dell’animale. Subito allertati i vigili del fuoco, due pattuglie sono giunte sul posto in pochissimi minuti provando da subito ad immobilizzare l’esemplare di daino, forse capriolo. Nel breve volgere di pochi minuti intorno all’animale si è creato un cordolo di sicurezza composto da agenti della forestale e veterinari in servizio presso le strutture comunali: innanzitutto si è provveduto a dar da bere all’animale, una giovane femmina, per poi coprirgli la testa così che non venga spaventato dalle tante persone che stanno facendo di tutto per salvarlo.

IMG_3909

Ore 10:03…finalmente libero! Ora bisognerà trasferirlo in un centro specializzato per le cure necessarie, molto probabilmente a Popoli. 

IMG_3910

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Pescara, daino incastrato nella rete del cimitero dei colli"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*