Pedopornografia, resta in carcere l’arrestato di ieri nel teramano

Resta ai domiciliari il 49 enne della provincia di Teramo arrestato ieri dalla polizia postale di Pescara per pedopornografia. Nell’udienza di convalida  l’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere.

A stabilirlo, questa mattina, al termine dell’udienza di convalida, il gip Domenico Canosa che ha confermato la misura dei domiciliari. Nell’udienza l’uomo si è avvalso della facoltà di non rispondere. Arrestato ieri, nell’ambito di un’indagine della Polizia Postale, in casa gli agenti hanno trovato 900 video e 150 immagini di minori, tra i 4 e 12 anni, abusati o comunque oggetto di pornografia. Le indagini erano partite da alcune informazioni confidenziali giunte sul tavolo della polizia postale che aveva acquisito anche informazioni sul fatto che l’uomo, negli ultimi tempi, fosse molto attento a non fare entrare estranei nella sua abitazione. Nei prossimi giorni il fascicolo dovrebbe passare alla Dda dell’Aquila, competente per il tipo di reato.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Pedopornografia, resta in carcere l’arrestato di ieri nel teramano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*