Montesilvano, invalido ostaggio senza ascensore

disabile-invalido

Non esce di casa, se non assistito da volontari, da oltre tre anni il 70 enne invalido di Montesilvano che vive in un condominio senza ascensore. L’unico elevatore non funziona da diversi mesi.

Si chiama Giuliano Ottavianelli, ha 70 anni, è ipovedente e senza un piede: non esce di casa, se non assistito da volontari, da oltre tre anni vivendo in un condominio di 7 piani, a Montesilvano, privo di ascensore. Il suo appartamento è al terzo piano e l’unico modo che l’anziano disabile ha per uscire è un elevatore anch’esso rotto da mesi. Una storia di disagio e indifferenza simile a quella di molti altri diversamente abili: in questo caso specifico non si tratta di un alloggio popolare, ma stando a quanto raccontato dal signor Ottavianelli sono due anni che chiede aiuto. Sperando che qualcuno intervenga prima che la sua depressione da isolamento e disagio lo riduca peggio di come vive già, l’unica forma di protesta che questo anziano ha adottato è stata quella di non pagare più affitto e spese condominiali presentando un esposto ai carabinieri contro condominio e Comune.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano, invalido ostaggio senza ascensore"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*