Inchiesta Opera salesiana, archiviazione per due

tribunale-sentenza

Archiviazione dall’accusa di abuso d’ufficio in concorso per l’amministratore delegato dell’Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, Paolo Aielli, ex titolare dell’ufficio speciale per la ricostruzione dell’Aquila (Usra), e il dirigente del Comune capoluogo abruzzese Vittorio Fabrizi.

I due figuravano tra i 6 indagati dell’indagine giudiziaria su presunte tangenti e lavori post-sisma che, nel novembre 2015, ha portato all’arresto ai domiciliari dell’ex vice sindaco aquilano, Roberto Riga, e dell’imprenditore Massimo Mancini, oltre che altre due misure cautelari. Secondo la tesi iniziale degli inquirenti, che non sembra aver trovato riscontro vista la richiesta di archiviazione, i due avrebbero procurato “un ingiusto vantaggio all’Opera salesiana e all’impresa Mancini Srl, consistito nella percezione di un indebito contributo a favore della stessa impresa altrimenti non spettante o spettante in misura notevolmente inferiore”, ovvero da 80 mila euro a 28,5 milioni.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Inchiesta Opera salesiana, archiviazione per due"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*