I sindacati sull’ex Zuccherificio di Chieti scalo

“Qualunque progetto per la riqualificazione territoriale ed il rilancio per il territorio è meritevole di attenzione e di approfondimento”: così i sindacati sull’ex Zuccherificio di Chieti scalo.

Chiedono di esser coinvolti anche nelle fasi progettuali per il futuro dell’ex zuccherificio di Chieti scalo i sindacati interessati alla riqualificazione territoriale ed occupazionale di quell’area dismessa. In particolare, i segretari Malandra (Cisl) e Reale (Filca-Cisl) commentano positivamente il progetto proposto da Carlo Toto: “Le istituzioni –  dicono i due sindacalisti – dovranno essere capaci di mettere insieme tutti i progetti già presentati analizzandoli nel dettaglio e supportandoli di dettagli e prospettive occupazionali. Un progetto di 30 mila metri quadrati con un investimento di 300 milioni di euro destinato a rappresentare un auspicabile rilancio per l’economia teatina.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "I sindacati sull’ex Zuccherificio di Chieti scalo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*