Città Sant’Angelo, sequestro preventivo centro tricologico

Sequestro preventivo, su disposizione del gip del Tribunale di Pescara, di un centro tricologico di Città Sant’Angelo privo di autorizzazione sanitaria.

La struttura eseguiva attività sanitarie e di trattamento del capello operando in carenza di autorizzazione sanitaria così come previsto dalla legge 32 del 2007, norma che disciplina tutti i requisiti strutturali, tecnologici ed igienico-sanitari
che le attività del genere devono avere. Il centro, nelle scorse settimane, era stato oggetto di un’ispezione dei militari del Nas di Pescara, cui è seguito un
procedimento penale, con un indagato, che ha portato al sequestro odierno.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Città Sant’Angelo, sequestro preventivo centro tricologico"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*