Chieti scalo, parchi chiusi e valanghe di telefonate in Comune

Chiusi da mesi diversi parchi gioco per bambini nella zona di Chieti scalo: centinaia le telefonate di mamme e maestre che sollecitano il Comune affinchè vengano ripuliti e riaperti.

I giochi ci sono, le fontanelle con l’acqua pure: perchè allora diversi parchi gioco a Chieti scalo continuano a restar chiusi da mesi? Se lo domandano i genitori dei tanti bambini residenti nella parte bassa della città, in quei quartieri popolosi e popolari dove spesso il parco gioco assume il senso del luogo simbolico di ritrovo e intrattenimento senza dover spender soldi in locali e bar. E se per gli adolescenti il cancello serrato, diventa a sua volta, un gioco al’insegna di chi lo scavalca più agilmente per i più piccoli solo l’amarezza di strutture funzionanti eppure chiuse. Moltissime le rimostranze già arrivate sul tavolo dell’assessore Di Felice, tante le telefonate di protesta: qualcuno chiede semplicemente di capire il perchè di quei lucchetti, tutti gli altri sollecitano la riapertura delle strutture comunali senza se e senza ma.

Sii il primo a commentare su "Chieti scalo, parchi chiusi e valanghe di telefonate in Comune"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*