Incendio Italpannelli: prime analisi dell’aria’rassicuranti’

‘Rassicuranti’: così sono stati definiti i primi dati ufficiali sui rilievi atmosferici effettuati dall’Arta nella zona dell’incendio della Italpannelli di Ancarano.

A renderli noti la prefettura di Teramo relativamente ai 4 campioni prelevati rispettivamente due nel Comune di Ancarano – in piazza Roma e presso l’asilo nido di Contrada Madonna della Carità a circa 1.750 metri di distanza dallo stabilimento – e due nel piazzale della Italpannelli. ‘In tutti e quattro i casi le sostanze rilevate sono riconducibili a fonti di inquinamento locale, in particolare da traffico – e tra l’altro con un valore di concentrazione di benzene inferiore al limite fissato dalla legge -, mentre non si evidenzia la presenza significativa di residui devianti dalla degradazione termica prodotti dall’incendio’. L’Arta, fa sapere la prefettura, sta valutando i dati della centralina installata ieri per il monitoraggio dell’aria nell’arco delle 24 ore. Per quanto riguarda le analisi sulle matrici alimentari, acque e terreni queste sono svolte dall’Istituto zooprofilattico “G. Caporale” di Teramo e hanno bisogno di tempi più lunghi per dare responsi, data la loro complessità. I prelievi erano stati disposti ed effettuati ieri, 30 marzo, dopo un vertice operativo cui hanno partecipato operatori della Asl 4 di Teramo (Servizi Igiene degli Alimenti e della Nutrizione; Igiene Pubblica; Servizio Veterinario, Medicina del Lavoro), rappresentanti dell’Arta e dello Zooprofilattico, oltre ai sindaci dei Comuni interessati.

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "Incendio Italpannelli: prime analisi dell’aria’rassicuranti’"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*