25 aprile: quando la Brigata Maiella entrò a Bologna liberandola

Era il 21 aprile del 1945 quando un coraggioso gruppo di giovani abruzzesi, riuniti sotto il nome di Brigata Maiella, fece il suo ingresso a Bologna liberandola dai tedeschi. Al  Tg8 il ricordo del partigiano Gilberto Malvestuto protagonista di quella pagina della storia d’Italia.

Soffrirono la fame e il freddo, la lontananza dalle proprie famiglie e vissero per due anni nel terrore di morire sotto il fuoco del nemico tedesco: erano dei giovani abruzzesi che sotto il nome di Brigata Maiella liberarono prima la loro terra e poi mezza Italia fino a quell’ingresso a Bologna che segnò la fine dell’occupazione. Al Tg8, nel giorno in cui anche l’Abruzzo celebra la Festa di Liberazione, abbiamo affidato il ricordo di quei giorni, che cambiarono per sempre la storia d’Italia, al partigiano Gilberto Malvestuto combattente della gloriosa Brigata Maiella: in un passaggio di una più lunga intervista, andata in onda nella puntata della trasmissione ‘Allo Specchio’ del 6 novembre 2014, Malvestuto ricorda commosso e fiero la liberazione di Bologna.

 

 

L'autore

Barbara Orsini
Laureata con lode in Scienze Politiche con una tesi pubblicata presso l’IILA di Roma, inizia subito l’avventura giornalistica collaborando con “Il Tempo” e con TVQ. Dal 2002 lavora per Rete8 dove si occupa di cronaca, politica, terza pagina, economia-sindacale e dove ha condotto la rubrica “Allo Specchio”. Ama leggere, viaggiare e declinare tendenze in tutte le sfaccettature.

Sii il primo a commentare su "25 aprile: quando la Brigata Maiella entrò a Bologna liberandola"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*